Le indagini hanno portato al molo del Sisto, nella periferia di Terracina. Qui gli uomini della capitaneria di porto insieme agli agenti della polizia locale ieri sera hanno trovato due grossi esemplari di tonno rosso. I pesci, dal peso di oltre un quintale, erano stati catturati in precedenza ma erano stati lasciati in acqua, agganciati al molo con una cima. L’intento dei responsabili - ipotizzano gli investigatori - era quello di passare in un secondo momento a ritirare la merce prelibata e a caricarla in macchina, magari in piena notte quando la zona è buia e deserta. Un piano forse collaudato ma che questa volta non è andato a segno perché di mezzo si sono messi i militari dell’ufficio circondariale marittimo di Terracina, coordinati dal comandante Marco Sansò. A supporto dei marinai anche una pattuglia della polizia locale, agli ordini del maggiore Fernando Di Crescenzo. L’ipotesi investigativa è che tutto quel pesce sarebbe finito sulle tavole di ignari acquirenti già per il cenone di Capodanno questa sera. 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (sabato 31 Dicembre)