Mancano ancora diversi giorni alla chiusura definitiva delle iscrizioni al primo anno degli Istituti di Istruzione Superiore di secondo grado per l’anno scolastico 2017 – 2018 e l’ITS Arturo Bianchini di Terracina del Dirigente Scolastico Prof. Maurizio Trani già registra un vero boom di iscrizioni: il trenta per cento in più rispetto allo scorso anno scolastico. In netta controtendenza rispetto al dato nazionale che premia i licei e vede diminuire dello 0.1% le iscrizioni agli istituti tecnici, un numero sempre crescente di famiglie di Terracina e dei paesi del comprensorio ha deciso di iscrivere i propri figli ad uno dei corsi di Amministrazione, finanza e marketing; Turistico; Chimico offerti dal Bianchini. Il 72% degli iscritti proviene dagli Istituti di Istruzione Superiore di primo grado di Terracina, il restante 28%, quasi un terzo, da San Felice Circeo, Borgo Vodice, Sonnino, Monte San Biagio, Sperlonga, Fondi, Sabaudia e Pontinia, segno che l’Arturo Bianchini è un punto di riferimento per l’istruzione tecnica nel sud pontino. D’altronde, in questi ultimi due anni nell’istituto diretto dal Prof. Trani sono stati realizzati molti progetti che hanno migliorato notevolmente il livello di accoglienza, l’offerta formativa, le metodologie didattiche e le competenze necessarie per entrare nel mondo del lavoro, soprattutto in relazione alle nuove tecnologie digitali e all’inclusione. Proprio perché scuola dell’inclusione che ha ottenuto la certificazione di “Scuola dislessia amica”, il Bianchini è stato scelto da molte famiglie come sede di studio per i propri figli con disabilità  e con disturbi specifici dell’apprendimento. Certo, bisogna anche sottolineare che un alto numero di iscrizioni si è avuto grazie  all’attività di orientamento coordinata dal Prof. Danilo Mastracco, che è riuscita a comunicare i contenuti e il valore dell’offerta formativa innovativa e orientata a soddisfare la domanda occupazionale che proviene dal mercato del lavoro attuata dalla dirigenza e dal corpo docente della scuola. Tuttavia, i veri protagonisti dell’attività di orientamento sono stati gli alunni di tutti i corsi di studio che hanno accolto genitori e studenti agli open day e durante le visite programmate, divenendo con le loro dimostrazioni di didattica i primi testimonial di una scuola capace di educare e formare i cittadini del futuro. Del resto, gli  indicatori di Eduscopio rivelano che il Bianchini è tra gli istituti tecnici della provincia di Latina quello con la più bassa percentuale di disoccupati tra i diplomati. Infatti, il 45% dei diplomati al Bianchini sono occupati o proseguono gli studi all’università. Il 35,9% dopo due anni dal diploma ottiene un contratto di lavoro permanente: il 20,3% a tempo indeterminato e il 15,6% un contratto di apprendistato.