Altro che mobilità sostenibile e progetti per incentivare l’utilizzo delle biciclette. Forse sarebbe il caso di pensare a curare ciò che già si ha. La denuncia arriva da chi la pista ciclabile vorrebbe utilizzarla tutti i giorni ma che non può farlo se non a rischio della propria salute. E sì perché i tratti di strada riservati agli amanti delle due ruote a pedali non sono poi così accoglienti. Per rendersene conto basta fare un giro in bicicletta lungo il fiume Linea, nel tratto di corsia che costeggia l’Appia tra l’incrocio con via Olmata e il ponte del Salvatore. Manto dissestato, pavimentazione irregolare, radici degli alberi che sporgono: un’insidia per i ciclisti che non possono fare altro che percorrere la strada occupando la carreggiata per le auto. La pista ciclabile, se così può essere definita, è impraticabile.