Pendolari ancora alle prese con le modifiche agli orari dei treni. Fa paura il nuovo orario in vigore a partire dal 12 marzo prossimo, come da disposizioni della Regione. Secondo i viaggiatori, nuovi orari alla mano, i cambiamenti aprirebbero ad un vero e proprio paradosso: svegliarsi ancora prima al mattino per arrivare più tardi nella Capitale rispetto ad oggi. Il dibattito è apertissimo e sebbene sia nato all'interno del comitato in difesa della tratta Terracina-Priverno (chiusa dal 2012 per via dei crolli), adesso ingloba i disagi di lavoratori di ogni settore: dalla sanità alla scuola fino a coloro che lavorano per turnazioni. Terracina, Fondi, Monte San Biagio, Itri, Sezze, Minturno, Sessa Aurunca. Tutti, infatti, registrano con le modifiche previste, un allungamento dei tempi di percorrenza a fronte di fermate quasi invariate, oltre che l’assenza di un convoglio che arrivi a Roma prima delle 7 del mattino.

L'articolo completo in edicola su Latina Oggi (21 febbraio 2017)