La solita burocrazia. Questione di carte e autorizzazioni, quelle necessarie a completare l’installazione delle telecamere sul territorio comunale prima di poter attivare - finalmente - il sistema di videosorveglianza. A frenare le telecamere è una pratica in mano al genio civile che deve rilasciare le autorizzazioni a piantare le basi su cui dovranno essere montati gli obbiettivi e i ripetitori per la trasmissione dei segnali alla centrale operativa. L’iter resta appeso a una pratica che si conta di chiudere nell’arco di pochi giorni. Con l’ok del genio civile si potranno installare gli ultimi impianti e concludere un percorso amministrativo che va avanti da anni. 

Intanto nella giornata di ieri l’amministrazione comunale del sindaco Nicola Procaccini ha messo un altro punto fermo nella definizione dell’iter che porterà ad accendere le telecamere.

(Articolo completo su Latina Oggi del 28 Febbraio 2017)