Qualcosa deve essere andato storto e il furto non è stato messo a segno. I ladri ci hanno provato ed erano quasi arrivati al punto di scassinare le slot machine e prelevare i soldi all’interno dei videopoker. Ma sul più bello i malviventi si sono dati alla fuga a mani vuote. Il passaggio di una pattuglia delle forze dell’ordine in servizio o l’arrivo inaspettato di qualcuno ha indotto i ladri a evitare guai peggiori. Meglio allontanarsi senza la refurtiva che essere bloccati, devono aver pensato.
Il tentativo di furto si è verificato nella notte tra domenica e lunedì in un’area attigua a un bar del centro. Sfruttando la posizione congeniale, i ladri hanno forzato una serranda che chiude lo spazio in cui si trovano le slot machine. Superato il primo ostacolo, i ladri hanno puntato ai videopoker e hanno provato a danneggiare lo sportello che chiude i cassetti in cui sono contenuti i soldi scommessi dai giocatori. A quel punto, però, il piano fallisce. I ladri si danno alla fuga e lasciano sul posto cacciaviti e arnesi per lo scasso. I proprietari del bar si accorgono del danno soltanto la mattina successiva quando aprono l’attività commerciale. Immediata la richiesta d’intervento agli agenti del commissariato di polizia di Terracina, intervenuti per un sopralluogo e per dare il via alle ricerche.