Rifare le facciate del centro storico alto e di quello in declivio. Necessario, indispensabile per restituire un’immagine decorosa a molte abitazioni che da anni ormai si presentano con muri scrostati al limite. Bene, l’amministrazione comunale, nell’ambito di una più generale riqualificazione del centro storico alto, sta pensando a un regolamento ad hoc rivolto ai proprietari delle abitazioni per incentivare lavori di rifacimento dei muri.

L’ipotesi è allo studio nelle commissioni competenti e presto finirà in Consiglio comunale per l’approvazione. Il parere dovrà essere rilasciato su una prima bozza di regolamento, che prevede anche incentivi a chi aderisce all’iniziativa.
Con tutta probabilità, ci sarà anche da indicare un piano colore e i criteri di rifacimento delle facciate, essendo il centro storico un’area sottoposta a diversi vincoli paesaggistici e architettonici.

Il provvedimento potrebbe essere una buona spinta per riqualificare dal punto di vista estetica i numerosi edifici che negli anni hanno subito la consunzione e che oggi si presentano pieni di muffe, incrostazioni e segni dell’usura dovuta agli agenti atmosferici. Le due commissioni, in seduta congiunta, si riuniranno il prossimo 13 marzo a palazzo Tescola.