Da giovedì 16 marzo Terracina riavrà un proprio Centro Antiviolenza promosso dall’assessore alle Politiche Sociali Roberta Tintari e gestito dall’associazione Nadyr, un’organizzazione che vanta una notevole esperienza nel settore. L’inaugurazione della nuova sede, ospitata nei locali di via Pantanelle n.2, avrà luogo alle ore 16,00 alla presenza del Sindaco Procaccini e dell’assessore Tintari. Per l’Azienda Speciale, l’ente strumentale del Comune che sostiene le spese di gestione del Centro attingendo dal proprio budget, saranno presenti la Direttrice Carla Amici, la Presidente Fulvia Pisa e i membri del Consiglio di amministrazione Giacomo Percoco e Cinzia De Castris. “Le cronache delle ultime settimane – esordisce l’assessore Roberta Tintari – destano un serio allarme sociale anche a Terracina e la riapertura del Centro Antiviolenza rappresenta una necessità inderogabile nonchè uno strumento prezioso per offrire ai cittadini che subiscono violenze, in particolare le donne, un punto di riferimento sicuro in grado di fornire aiuto. Le inqualificabili subculture che infliggono alle donne vessazioni e impongono sottomissione vanno contrastate con decisione e coraggio. Il coraggio – prosegue il vice sindaco – non deve essere solo quello di chi denuncia, ma anche delle istituzioni che hanno il dovere di rompere l’odioso muro culturale e materiale costruito dall’omertà. Con l’apertura del Centro Terracina compie un importante passo in questa direzione ed offre un sostegno concreto a chi non sa come difendersi. La capacità di difendere le donne, i minori e i deboli in genere che subiscono violenza – conclude l’assessore Tintari – rappresenta il grado di civiltà di una comunità e Terracina vuole essere al fianco dei suoi cittadini”.