La solidarietà rivive nel ricordo di Alfredo Fiorini, il medico missionario di Terracina ucciso nel 1992 in Mozambico dove svolgeva il suo operato. Questa sera al ristorante “Grappolo d’uva” si terrà la cena solidale annuale organizzata dall’associazione onlus intitolata a Fiorini. Nel 25esimo anniversario della sua morte, si rinnova l’impegno della cittadinanza nel portare avanti il progetto del medico missionario. Una catena di beneficenza che, sotto il coordinamento della presidente Giovanna Mammaro, promuove la raccolta di fondi nell’ambito del progetto “Nuovi medici per il Mozambico”. Perché - come sosteneva Fiorini - occorre aiutare l’Africa con l’Africa. Le somme raccolte costituiranno infatti borse di studio annuali per consentire ad aspiranti medici africani sprovvisti di mezzi finanziari di proseguire la propria carriera scolastica e universitaria. Testimonial della serata sarà la cantante Rita Forte.