Indietro non si torna. Su questo il sindaco Nicola Procaccini è stato chiaro nel corso di un faccia a faccia sabato mattina nella sede dell’Ascom di Terracina. Il primo cittadino, affiancato dall’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone, ha incontrato i commercianti. Alla riunione ha partecipato anche una rappresentanza della “De Vizia”, la società che si occupa della nettezza urbana. A fare gli onori di casa il presidente dell’associazione Giovanni Amuro. All’ordine del giorno della riunione, il punto della situazione sulla raccolta differenziata e la necessità di trovare una soluzione al servizio per le utenze commerciali. Procaccini ha ribadito l’intenzione di trovare una soluzione immediata al problema dei contenitori posizionati in strada. Una necessità, visto che in alcuni casi i negozi hanno una superficie talmente ridotta da non consentire ai titolari di mantenere i bidoni all’interno, a meno che non si voglia sottrarre spazio “vitale” al negozio. Il sindaco ha proposto soluzioni su cui, comunque, si deve ancora lavorare. Amministrazione comunale e commercianti si sono trovati d’accordo sulla possibilità di aumentare i prelievi settimanali di vetro e plastica. Ovviamente ogni servizio aggiuntivo ha un costo, e questo non può essere trascurato nel momento in cui si ragiona in termini di spesa oltre che di comodità per una singola categoria. «Ci troviamo in un momento di passaggio» ha sottolineato il primo cittadino «ma abbiamo la consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta». L’amministrazione chiede quindi un ulteriore sforzo per compiere «l’ultimo salto di qualità» che consenta alla città di avere un servizio di raccolta “invisibile”, senza bidoni in strada e con una raccolta ancor più efficiente.