Attorno alle tre della scorsa notte, gli agenti della polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Velletri sono intervenuti in una delle celle, avvisati da un detenuto, poiché il suo compagno non dava cenni di vita. Immediatamente, dunque, si è attivata la macchina dei soccorsi ma, purtroppo, per il 35enne recluso non c’era più niente da fare. A dare notizia del decesso dell’uomo, che si sospetta esser stato vittima di un malore, sono stati i sindacalisti dell’Ugl Polizia Penitenziaria, Carmine Olanda e Ciro Borrelli: «Ci dispiace per questa tragedia - hanno dichiarato - ma possiamo sottolineare che la macchina dei soccorsi ha funzionato perfettamente, intervenendo immediatamente dopo la segnalazione del detenuto».

I soccorsi, come accennato, sono purtroppo stati inutili: il corpo dell’uomo, comunque, è stato messo a disposizione dell’autorità giudiziaria di Velletri, che ora dovrà decidere se sottoporre lo stesso ad accertamenti.