«Con me sindaco non ci sarà più spazio per questo tipo di accoglienza agli immigrati, sottraendo risorse ai bisogni della povera gente».

È davvero un fiume in piena, a Velletri, il consigliere comunale d’opposizione e già ufficializzato candidato sindaco per il 2018, Giorgio Greci, che è intervenuto a gamba tesa sul tema dell’accoglienza dei richiedenti asilo.

«È ormai noto che le politiche del centrosinistra voltano le spalle alle famiglie italiane in difficoltà» ha aggiunto il leader del Laboratorio Idee per Velletri, che ha fissato gli obiettivi da seguire - in tema di migranti e accoglienza - qualora divenisse il primo cittadino veliterno nella primavera del 2018.

«Nel caso di una mia elezione, il mio primo atto da sindaco sarà quello di revocare tutte le convenzioni Sprar (il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ndr) in essere, costringendo il ministero a ricollocare gli immigrati nei tanti Comuni a guida Pd a cui questa finta accoglienza piace tanto».