Lo stadio del baseball "Steno Borghese" di Nettuno è stato affidato in gestione all'Asd Nettuno Baseball City, ossia la società che lo scorso anno ha disputato il massimo campionato italiano del batti&corri. Si tratta di un provvedimento provvisorio e valido improrogabilmente fino al 30 settembre prossimo, vista l'intenzione dell'ente di provvedere a un riordino della gestione degli impianti sportivi locali.


Nello specifico, il dirigente dell'area Tecnica ha firmato la determina dopo gli indirizzi forniti dalla Giunta guidata dal sindaco Alessandro Coppola: come annunciato in occasione della presentazione del Museo del baseball avvenuta martedì dall'assessore allo Sport Alessandro Mauro, già ieri sono iniziati i lavori di pulizia e manutenzione sia del "Borghese" che dello stadio da calcio "Celestino Masin", che si trova accanto all'altro impianto.

L'affidamento temporaneo del glorioso stadio di baseball, chiaramente, si è reso necessario in vista del via alla stagione sportiva 2020 ormai alle porte: con la convenzione, dunque, sono stati fissati i parametri da rispettare.


Tra questi c'è il canone mensile di locazione, fissato in 1.400 euro che sarà portato in «compensazione dagli oneri economici sostenuti dall'assegnatario per i lavori di manutenzione con rinuncia a opera dell'assegnatario medesimo dell'eventuale residuale eccedenza». In più, verranno detratti in compensazione anche «gli oneri sostenuti dall'assegnatario per i consumi dell'utenza elettrica relativi al periodo di assegnazione stimati complessivamente in approssimativi 7.500 euro».
Va anche detto che il Nettuno Baseball City dovrà «mettere a disposizione la struttura alle Asd territoriali di settore che partecipano al campionato di massima serie nazionale che ne facciano richiesta».