Tutti parlano di miracolo sportivo, in questo caso tennistico, ma quando alla base c'è un progetto serio, portato avanti da persone che sanno il fatto loro, tutto è possibile. Anche che una tennista russa, Ljudmila Samsonova, da Olenegorsk, dove è nata l'11 novembre 1998, si trasferisca a Latina, trovando al Tennis Club Nascosa, circolo storico della nostra provincia, il suo quartier generale e scali la classifica mondiale Wta in un amen grazie all'incredibile vittoria nel nel torneo Wta 500 di Berlino.

E' successo domenica pomeriggio, ma soprattutto è successo perché doveva, prima o poi, succedere. Da quando la giovane tennista russa ha "sposato" il Tennis Club Nascosa, affidandosi alle "cure" di Daniele Silvestre, coadiuvato nel suo lavoro da uno staff di primissimo piano composto da Alessandro Dumitrache e Danilo Pizzorno, un luminare del nostro tennis avendo introdotto nel nostro Paese il metodo della video analisi, la sua vita è cambiata e domenica pomeriggio, in terra teutonica, è arrivata la risposta che tutti attendevano: vittoria in tre set (1/6 6/3 6/3 lo score) contro Belinda Bencic e numero 63 della classifica mondiale.

Come se non bastasse tutto questo il premio, da parte degli organizzatori dell'All England Lawn Tennis and Croquet Club di Londra, di una wild card nel tabellone principale del prossimo torneo di Wimbledon in programma da lunedì 18 giugno sui mitici campi in erba di Church Road.