Matteo Ciampi ci ha fatto sognare, ma alla fine si è dovuto accontentare, per modo di dire, del quinto posto nella finale olimpica della staffetta 4X200 maschile. Il quartetto azzurro ha disputato un'ottima gara, dimostrando quella compattezza di squadra che lo aveva portato a raggiungere, con il terzo tempo assoluto, la finale. Alla fine Ciampi e i suoi compagni sono arrivati ad un secondo e mezzo dal podio. Una magnifica 4x200 stile libero con. Stefano Ballo (1'45''77), Matteo Ciampi (1'45''88), Filippo Megli (1'45''33) e Stefano Di Cola (1'46''26) pronti a nuotare con il cuore e a chiudere questa finale olimpica in 7'03''24, non troppo lontani dal record italiano di 7'02''01 siglato a Gwangju per il quarto posto iridato. Nessun rimpianto e tanti margini per la staffetta coordinata dal tecnico federale Stefano Franceschi che, dopo questi Giochi di Tokio, proseguirà il cammino di crescita iniziato con il bronzo agli Europei di Glasgow 2018, proseguito con il quarto posto iridato in Corea del Sud nel 2019 e il terzo posto agli Europei di Budapest lo scorso maggio.