Prima medaglia mondiale della carriera, anche se in vasca corta, per il nuotatore di Latina, Matteo Ciampi. A chiusura della giornata di gare è arrivato il bronzo scoppiettante della 4x200 stile libero che torna sul podio dopo otto anni. Matteo Ciampi ha aperto col primato personale di 1'42"68, Ceccon (1'42"61) e Alberto Razzetti (1'42"76) si sono mantenuti a ridosso delle posizioni da podio e Paolo Conte Bonin, con una frazione super da 1'41"58, ha completato la rimonta sulla Corea del Sud: bronzo e record italiano in 6'49"63.

Vittoria per gli Stati Uniti d'America, ancora irraggiungibili, con il record del mondo di 6'44"12 (il vecchio era del Brasile con 6'46"81 nel 2018); l'Australia seconda con il record oceanico di 6'46"54. La Corea è quarta con il record asiatico di 6'46"97. Una gara di altissimo livello tecnico con quattro squadre da record. Il precedente limite italiano era il 6'51"48 che Ciampi, Ceccon, Megli e Razzetti avevano nuotato il 19 dicembre 2021 ad Abu Dhabi per il quarto posto. "Finalmente dopo tanti quarti posti è arrivato un podio: quanto mai meritato. Sono strafelice per me e per tutti noi", ha dichiarato Ciampi, tesserato per Esercito e Livorno Aquatics e seguito da Stefano Franceschi.