Era di vitale importanza vincere e la Benacquista Assicurazioni Latina Basket, chiamata a gettare il cuore oltre l'ostacolo dopo tre sconfitte consecutive, ha rispettato alla lettera il copione rispedendo al mittente la fisicità di Agrigento, arrivata al PalaBianchini forte di due vittorie consecutive (quattro nelle ultime cinque partite) e con il +11 della gara di andata, margine non di poco conto. Il quintetto di coach Gramenzi ha costruito il proprio successo nei primi due quarti di gioco, trovando modo e tempo per mettere in ghiaccio il confronto e gestirlo, non senza qualche amnesia di troppo nel finale, trovando modo e tempo per cancellare con il +16 (87-71 il finale) il gap della gara di andata.
La partita - Dominio assoluto della Benacquista Assicurazioni nei primi due quarti di gioco con Rodriguez e Alipiev a fare la differenza, ma soprattutto con una difesa attenta ad arginare la fisicità dei siciliani in partita sino al suono della sirena del primo quarto. Paradossalmente, però, la "bomba" di Cacace per il 24-17 finiva per creare uno scompenso nel gioco, ripetiamo, molto fisico dei siciliani. Ad inizio secondo quarto, Latina riusciva a dare un ulteriore strappo alla partita, trovando modo e tempo per tenere a debita distanza Agrigento. In questo modo andava all'intervallo sopra di 15 (47-32) dando l'impressione di poter amministrare tranquillamente la partita, di portarla definitivamente su binari favorevoli. Alipiev faceva la voce grossa sotto i tabelloni, un po' meno dalla lunga distanza (1/4), mentre Rodriguez dopo il 3/4 come da prassi finiva in panchina nel computo delle rotazioni.
Dagli spogliatoi usciva fuori una Benacquista determinata a mettere in ghiaccio il match ed il 7-0 iniziale era una sorta di sentenza per Agrigento incapace di rintuzzare lo strapotere del quintetto di coach Gramenzi. Si viaggiava al ridossò del +20 per Latina e quando anche Parrillo trovava la bomba per il 61-39, la partita cominciava ad incanalarsi in maniera definitiva verso binari giusti, quelli di una Benacquista attenta a non distrarsi come più volte è capitato in questo tipo di situazioni. Il 63-46 al termine del terzo quarto, nonostante qualche errore di leggerezza, era un inno alla gioia per Latina. Nell'ultimo periodo erano soprattutto le solite amnesie finali a mettere a repentaglio, più che altro, la differenza canestri con i siciliani, ma alla fine la Benacquista stringeva i denti trovando in Alipiev (23 punti), Rodriguez (20) e Cacace, giocatori pronti a trainarla verso la meritata vittoria: 87-71.

Latina - Agrigento 87- 71 (24-17; 23-15; 16-14; 24-25)
Benacquista Assicurazioni Latina Basket
Durante 3, Lewis II 11, Donati ne, Parrillo 5, Cicchetti 10, Collazo ne, Cacace 9, Rodriguez 20, Moretti 6, Alipiev 23. Coach: Gramenzi.
Energy Moncada Agrigento
Marfo 15, Ambrosin 7, Grande 21, Costi 10, Chiarastella 7, Bellavia, Peterson ne, Mayer, Francis 10, Negri 1. Coach: Cagnardi
Arbitri: Boscolo Nale, Pecorella, Grappasonno