Undici punti in campionato, sei in più del Real Arzignano che, se il campionato fosse finito il 19 gennaio scorso, sarebbe retrocesso in A2 unitamente alla Lazio. La stagione, però, è ancora molto lunga, per queste due squadre come per la Lynx Latina, che ha approfittato della sosta per metabolizzare un kappaò, quello con il Rieti, ancora da digerire.
Il portiere Simone Chinchio, giocatore "fatto" in casa e, dunque, cuore nerazzurro come e più di altri, è tornato sul derby derby perso proprio la sera del 18 gennaio quando il Rieti, al PalaBianchini, s'impose per 3-2.
«Sicuramente potevamo fare di più - queste le parole dell'estremo difensore pontino - ma non solo contro il Rieti. Purtroppo in serie A vince chi sbaglia di meno. Cosa non mi è piaciuto? La poca lucidità sotto porta. Dobbiamo essere più cinici e cattivi e concedere meno in fase difensiva e soprattutto eliminare gli errori individuali. Stiamo lavorando molto proprio per migliorare questo aspetto, la nota positiva che siamo cresciuti molto sul possesso palla: abbiamo molta fiducia in noi stessi».
Quali sono gli obiettivi futuri?
«Non sono molto soddisfatto di questa prima parte di stagione. Occupiamo la terzultima posizione in classifica. Purtroppo abbiamo perso molti punti non in maniera positiva e questa cosa ci ha penalizzato tanto. Mi auguro di raggiungere la salvezza il prima possibile, dipende soltanto da noi. E quello spiraglio di luce lo vedo ancora».
E quelli nell'immediato?
Staccare il pass per le Final Eight di Coppa Italia».
Intanto è iniziato il cammino verso Eboli.
«Mi aspetto una partita difficilissima contro la Feldi, ma al tempo stesso molto equilibrata. All'andata perdemmo a due minuti dalla fine e vorrei riscattare quella sconfitta che brucia ancora. Loro cambieranno allenatore alla ripresa del campionato e saranno agguerriti, perché provengono da un brutto kappaò patito contro il Civitella. Il PalaDirceu è un campo complicato e caldo, ma andremo ad Eboli con la consapevolezza di poter conquistare i tre punti».
Oggi, intanto, Chinchio sembra aver acquisito una maggiore maturità e consapevolezza nei propri mezzi.
«Personalmente sono molto soddisfatto, ho raggiunto un livello di maturità superiore rispetto alle passate stagioni. Non mi accontento mai, voglio migliorarmi sempre di più».
La Lynx Latina, dunque, si affida anche e soprattutto al suo "portierone" per questo rush finale di campionato dove, oltre ad una salvezza tranquilla, primario obiettivo del club, i nerazzurri punteranno a divertirsi e a divertire il proprio pubblico, così come è avvenuto, tanto per non andare lontano, contro l'Italservice Pesaro