Palestrina-Basket Scauri 80-73 (26-15; 14-17; 20-18; 20-23)
Palestrina:Rischia 5, Rossi 32, Morici 6, Rizzitiello 21, Fiorucci 10, Pochini, Cecconi, Ochoa, Banchi, Moretti F., Mattei, Carrizo 6. All. Ponticiello.
Basket Scauri:Ciman, Richotti 7, Papa, Melchiorri 11, Gallo 17, Granata 2, Moretti G. 4, Laguzzi, Milisavljievic 8, Longobardi 24, Scampone. All. Fabbri.
Il Basket Scauri esce sconfitto dal campo della seconda della classe, che ha dovuto penare non poco per avere ragione della giovane pattuglia di coach Fabbri. Priva di Laguzzi, la squadra pontina non ha mai mollato, riuscendo a rientrare in partita sempre, con Gallo e Longobardi in evidenza nella fase realizzativa. Il primo quarto, tranne che per pochi secondi è stato appannaggio dei locali, che dopo essere andati sotto 7-8 dopo circa quattro minuti, hanno piazzato un parziale di 8-0 che li ha portati sul +7; un vantaggio che a poco più di un minuto dalla fine era raddoppiato (26-12), ma negli ultimi secondi Scauri riusciva a chiudere a -11. Al ritorno in campo il quintetto di Fabbri annichiliva la vicecapolista del girone, con un parziale di 0-13 che faceva volare i biancazzurri sul 26-28. Palestrina serrava le file e recuperava lo svantaggio, con Rizzitiello e Rossi, che la trascinavano sul parziale di 40-32. Nel terzo quarto gli ospiti acceleravano i ritmi, tanto da portarsi sul +12 (52-40), ma lo Scauri non mollava e con un break di 0-7 si riportava a -5. Ci pensavano Rizzitiello, autore di cinque punti, e Fiorucci con una bomba da tre, a riportare il Palestrina avanti di tredici punti (60-47). Gallo, reduce dalla convocazione in azzurro under 20, con un canestro da tre riduceva le distanze fissando il punteggio sul 60-50. Ma lo Scauri è un osso duro e nell'ultimo quarto parte subito con un parziale di 0-7, che rimetteva in equilibrio il match. I locali sbandavano ed accusavano il colpo ancora di più quando Gallo siglava il-1 (62-61). La partita si faceva emozionante con gli ospiti che rispondevano colpo su colpo, ma alla fine era il Palestrina che la spuntava, vincendo di sette punti.