Scauri-Reggio Calabria 70-71 (17-13; 18-21; 17-23; 18-14)
Basket Scauri: Ciman 2, Richotti 10, Melchiorri 3, Gallo 2, Granata 10, Moretti 17, Laguzzi 10, Milisavljevic, Longobardi 16, Scampone. All. Fabbri.
Viola Reggio Calabria: Ciccarello, Alessandri 6, Grgurovic, Fall 15, Fallucca 5, Agbogan 5, Carnovali 8, Paesano 23, Nobile 2, Vitale 7. All. Mecacci.
Arbitri: Nonna di Milano- Spinello di Marnate (Varese).
Il Basket Scauri non riesce ad interrompere la serie negativa, battuto di un solo punto dalla quotata Reggio Calabria. Il team pontino ha affrontato con grande personalità la forte formazione calabrese già approdata ai play-off, che, solo con un canestro siglato negli ultimi secondi, è riuscita ad avere ragione di un quintetto che ha messo sovente in difficoltà gli avversari. L'avvio dello Scauri era scintillante con un parziale di 8-0 nei primi tre minuti e mezzo, che disorientava i calabresi, i quali hanno siglato il primo canestro dopo oltre quattro minuti. Un cesto che ridava fiducia agli ospiti, i quali con un break di 2-8 pareggiavano il conto (10-10) al sesto minuto e mezzo. Pronta replica dei locali, i quali con un contro-break di 5-0 allungavano di nuovo, sino a chiudere il tempo in vantaggio di quattro punti. Al ritorno in campo il quintetto di coach Mecacci partiva forte e con un parziale di 2-12 si portava in avanti di sei lunghezze 19-25). I biancazzurri acceleravano le operazioni e a metà secondo quarto con un parziale di 9-0 si riportavano in vantaggio per 28-25. Equilibrato il resto del tempo, con i delfini che riuscivano ad andare al riposo in vantaggio di un punto (35-34). In evidenza Laguzzi che, oltre ad aver catturato tre rimbalzi e siglato sei punti, è stato autore di tre stoppate. Molto fallosi gli ospiti in fase conclusiva, con 2/13 sui tiri da tre, contro i 3/7 di Richotti e soci. Al ritorno in campo grande equilibrio con sorpassi e controsorpassi sino al 25' quando Reggio Calabria piazzava un break di 0-8 che consentiva agli ospiti, trascinati da un Paesano dalla mano calda, di volare a +5 (43-48). Un vantaggio che è rimasto tale anche nei minuti finali, nonostante le due bombe di Longobardi, il quale in apertura di quarto periodo indovinava due liberi e portava i suoi a -3 (54-57). I minuti successivi erano equilibrati, con Fall e compagni che, comunque, riuscivano sempre a mantenere la testa sino al 34' quando i locali con due canestri di Granata e uno di capitan Richotti mettevano la freccia (64-62). La partita si accendeva e Paesano con un libero riduceva a -1 lo scarto, riuscendo a rompere un digiuno durato oltre quattro minuti. Coach Fabbri perdeva Moretti per cinque falli e Carnovali a due minuti dalla fine siglava il sorpasso (68-69), che durava pochi secondi perché Laguzzi con due liberi riportava avanti i suoi. Ultimi secondi da brivido con Agbogan che indovinava un tiro da due (70-71) con lo Scauri che aveva poi 24 secondi per cercare il successo. Ciman però falliva il tiro dall'area e per lo Scauri svaniva la possibilità di tornare a cogliere un successo che avrebbe meritato.