Latina Pallanuoto-Crotone 19-8 (5-3; 4-2; 2-1; 8-2)
Latina Pallanuoto: G. Cappuccio, A. Tulli 4, G. De Bonis, A. Goreta 5, G. Gianni 1, A. Falco 1, A. Castello 1, G. Barberini 2, F. Lapenna 4, D. Priori, L. Di Rocco 1, M. Giugliano, L. Marini. All. Mirarchi
Metal Carpenteria RN Crotone: M. Conti, A. Perez, A. Amatruda 3, V. Arcuri 1, M. Aiello 1, M. Cavallaro, G. Candigliota, P. Morrone 1, R. Spadafora 2, Graziano, P. Markoch, F. Latanza, S. Sibilla. All. Arcuri
Arbitri: Piano e Pagani lambri
Note: Uscito per limite di falli Aiello (C) nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Latina Pallanuoto 2/9; RN Crotone 1/8+ un rigore. Spettatori 200 circa..
Vittoria doveva essere e vittoria è stata per la Latina Pallanuoto che ieri sera, nella piscina comunque di Anzio, ha letteralmente demolito la Metal Carpenteria RN Crotone: 19.8 il punteggio finale, che la dice lunga sull'andamento di un match decisamente a senso unico per la squadra nerazzurra. Devastante, soprattutto, l'ultimo periodo di gioco, nel quale il "settebello" di Mirarchi ha fatto in acqua il bello e cattivo tempo contro una squadra che, nei precedenti tre periodi, si era comunque difesa, provando, e in alcuni casi riuscendoci, a limitare i danni.
Tre punti importanti per la squadra di Mirarchi che sale a 31 punto punti in classifica, ad una sola lunghezza dalla Telimar Palermo che ha pareggiato 6-6 nel big match contro la capolista Salerno. Sette, invece, le lunghezze dai campani, ma con Pescara e Cus Unime sempre ad un punto.