Matteo Sartori ed il suo primo Mondiale. Un qualcosa che ha iniziato a concretizzarsi nella giornata di domenica, quando la Nazionale Junior, dopo il raduno a Sabaudia, è sbarcata a Tokio, prendendo subito confidenza con quello che fra un anno sarà il bacino olimpico, il Sea Forest Waterway.
Un mondiale, considerato anche test event per Tokyo 2020, che inizierà domani per concludersi l'11, ed assegnerà i 14 titoli mondiali e le 42 medaglie in palio nella varie specialità.
L'Italia sarà presente con 11 barche, mentre le nazioni che hanno ranghi completi, e quindi con le 14 specialità previste, sono Stati Uniti e Germania. Le nazioni in gara sono 50 con 191 barche e 558 atleti iscritti. Già definite, quindi, le formazioni azzurre che scenderanno in acqua, con la prima gara eliminatoria prevista alle 9.30 locali (le 2.30 Italiane poiché all'orario di Tokyo vanno sottratte 7 ore) di domani. Il programma completo prevede domani la prima giornata di batterie; giovedì 8 agosto, seconda tornata di batterie e, a seguire, i primi recuperi. Venerdì 9 agosto giornata dedicata interamente a recuperi e quarti di finale, mentre sabato 10 agosto spazio alle semifinali ed alle prime finali di consolazione. Domenica 11 agosto la conclusione con le ultime finali di consolazione e, a partire dalle 9.50 locali (le 2.50 in Italia), le finalissime che assegneranno i titoli iridati di categoria.
Matteo Sartori, figlio d'arte, terrà alto il nome del Terzo Nucleo Atleti Fiamme Gialle e della nostra Terra. L'atleta di via Lungo Sisto, argento nel doppio agli Europei di Essen in Germania, gareggerà nel Doppio con Nicol Carucci. Una barca ampiamento collaudata e pronta, perché no, a stupire il mondo intero dopo il podio tedesco.