Top Volley-Itas Trentino 1-3 (26-28; 18-25; 25-19; 22-25)
Top Volley: Peslac, Szwarc 9, Cavaccini (L), Van Garderen 15, Sottile 1, Rossato ne, Patry 27, Karlitzek 1, Elia, Rossi 3, Rondoni (L) ne, Palacios 11. All: Tubertini.
Itas Trentino: Daldello ne, Vettori 20, De Angelis , (L) ne, Giannelli 2, Grebennikov (L), Candellaro 2, Djuric ne, Codarin, Sosa Sierra, Cebulj 22, Lesnac 12, Kovacevic 14. All: Lorenzetti.
Arbitri: Giardini-Florian
Note: Top Volley: ace 7, err.batt. 12, ric.prf 21%, att. 54%, muri 5. Itas Trentino: ace 4, err.batt. 15, ric.prf 31%, att. 59%, muri 6. Spettatori 1015.
Applausi e zero punti. Ancora una volta. Il... "che peccato", però, finisce sotto la suola sponsorizzata delle scarpe dei prodi discepoli di Tubertini, perché alla fine, quello che conta, sono i punti in classifica e ieri sera, il 3-1 subito dall'Itas Trentino, se non suona come una beffa per la Top Volley, poco ci manca. La squadra di stanza a Cisterna ha lottato, gettando alle ortiche cinque set point nel primo parziale che, forse, avrebbero potuto cambiare il corso di una partita che, bisogna dirlo, alla fine l'Itas ha fatto propriacon la forza della grande squadra, cinica e spietata quando è stato il momento di serrare le file: 1-3 il finale di un match, comunque, bello e avvincente.