La quarantena a farsi sentire, ma c'è chi non demorde e non si piega alla difficoltà della solita routine. Si è molto parlato, soprattutto all'inizio di questa emergenza in Italia, del caso dei runners, finiti quasi per essere additati come uno dei problemi da risolvere. Ma da questi sportivi, che fanno della determinazione e della passione la loro arma, sono arrivate tante storie da raccontare. C'è chi, come l'ultramaratoneta Gianluca Di Meo, a Padova ha corso 100 km sul balcone di casa. O anche Fabio Faggiani, 35enne di Tolfa, vicino Roma, che a casa ha corso 70 km tra casa e giardino, di cui 42 attorno al tavolo del salotto.
E non è da meno la storia che arriva da Sabaudia, dove Emanuele Molena e il padre Silverio hanno portato a termine la loro personale impresa, la #iorestoacasamarathon. Emanuele uno degli organizzatori della Circeo Run (la gara podistica che si svolge a San Felice Circeo ogni seconda domenica di maggio e che non si potrà svolgere per via della situazione attuale), ha deciso di sfruttare l'ampio spazio attorno casa sua per riuscire a portare a termine i più celebri 42.195 chilometri dell'atletica. I due tesserati della Asd Nuova Podistica Latina hanno portato a casa l'obiettivo con tanto di pettorine personalizzate, con la speranza che sia questa la prima e ultima edizione di questo speciale evento: «Sono ormai diverse settimane che siamo chiusi in casa e il morale non è dei migliori - spiegano i due - anche i bambini cominciano a soffrire questa situazione di costrizione. Era arrivato il momento di dare un segnale forte e positivo. La nostra non è un'impresa sportiva, anche perché il riscontro cronometrico lo testimonia (5h39'06"), bensì una dimostrazione pratica che anche nei momenti più brutti si possono tirar fuori cose belle. I miei figli hanno 10 e 8 anni e ricorderanno per tutta la vita l'anno del coronavirus, ebbene, oltre ai ricordi di angoscia e tristezza, spero trovi spazio anche quello positivo della maratona fatta dal papà e dal nonno, e che sia loro da insegnamento che: i limiti esistono solo nella nostra mente».
Resta l'amarezza per l'annullamento della Circeo Run, riprogrammata il 9 maggio 2021: «Posso assicurare che tutta l'organizzazione lavorerà con il massimo impegno affinché l'edizione del prossimo anno sia di livello nazionale. È una promessa».