Si è sempre dichiarato innamorato della pallavolo e di una città, la "sua" Cisterna, che ha adottato questa creatura, la Top Volley, facendola propria e offrendole una "casa" importante. Oggi, in questa seconda fase dell'emergenza coronavirus, Massimiliano Marini, presidente onorario della società, è in prima fila per regalare... «qualcosa di bello ai nostri tifosi, alla gente che ci segue, ai tanti appassionati di uno sport meraviglioso».

Vi siete mossi in anticipo sul mercato e con cognizione di causa.
«Non vogliamo lasciare nulla al caso, perché il nostro obiettivo, tenendo sempre sotto controllo il budget, è quello di costruire una squadra che diverta e ci faccia, perché no, anche un po' sognare».

Possiamo parlare di obiettivo play off per la prossima stagione?
«Senza ombra di dubbio. Lorenzo (Tubertini, l'allenatore ndr) ci dice sempre che non dipenderà, poi, soltanto da noi, ma intanto facciamo in modo di metterci del nostro, perché vogliamo far bene, ci teniamo a questa squadra».

Sabbi, Tillie e ora anche Randazzo.
«Vedo che siete molto aggiornati, non vi sfugge nulla».

Siamo in dirittura di arrivo per lo schiacciatore siciliano?
«Direi proprio di sì, dovremo chiudere nelle prossime ore. Arriverà in prestito da Civitanova, ma è un giocatore che può aiutarti molto a crescere, lui come Sabbi e Tillie».

Una cosa è certa: avete le idee molto chiare.
«Ci siamo mossi per tempo, approfittando anche di questo momento di stallo. Ripeto, vogliamo regalare a Cisterna, a tutta la provincia e regione, una squadra in grado di divertire e appassionare. Puntando ai play off, perché da questo punto di vista non ci nascondiamo».

Perché Marini ha scelto il volley?
«E' uno sport dove il fair play la fa da padrone. Vedere tante famiglie al palazzetto, tanti giovani, è un qualcosa che mi riempie di gioia. Questo il motivo per cui mi sono legato al volley, uno sport decisamente educativo ed anche bello da vedere».

La "sua" Cisterna può iniziare a sognare in grande?
«Vogliamo creare un senso di appartenenza, fare in modo che tutti, ma davvero tutti, si leghino piano piano a questa squadra. Oggi Cisterna è una delle città che ha una squadra nella massima serie di volley. Credetemi, non è poco, a maggior ragione di questi tempi».

Investimenti oculati ed un progetto ben preciso.
«Vogliamo crescere come squadra ma, soprattutto, come società. Siamo convinti di poter far bene, c'è voglia di regalare tanti sorrisi a chi avrà la passione di seguirci. Il mio sogno è quello di vedere un palazzetto sempre pieno di gente: famiglie, bambini, scuole intere, pronte a crescere insieme a noi».

Massimiliano Marini è un presidente onorario colpito da una passione autentica per la propria squadra di volley.
«Mi piace guardare al bicchiere mezzo pieno, fare le cose per bene e, soprattutto, guardare a progetti vincenti. La Top Volley Cisterna può essere tutto questo. Mi piace ragione in questo modo: lo faccio nella mia azienda e anche nel volley».