Una giornata intensa, la prima delle tante di un Latina 1932 che oggi ha ufficialmente ritrovato un po' di luce in fondo al tunnel di questa emergenza Covid-19 che, di fatto, tiene ancora in sospeso le date della prossima stagione nei dilettanti e, dunque, anche in serie D. 

Un Latina Calcio 1932 che ha svolto la prima parte della giornata di questo inizio ritiro, rigorosamente a porte chiuse, presso lo stadio "Francioni". Il tutto con le dovute precauzioni e il distanziamento sociale. Una convocazione che è iniziata, dunque, di buon mattino per mantenere il divieto di assembramento, con le ultime formalità da espletare, il ritiro del materiale e poi, nel pomeriggio, mascherina in volto, misurazione della temperatura e prima seduta di allenamento a bassa intensità nel complesso dell'ex Fulgorcavi anche per il lungo fermo imposto dal lockdown e dalla ripresa graduale delle attività economiche e sportive.

Il tecnico Scudieri è apparso sereno al suo debutto e dopo aver parlato a lungo ai giocatori ha deciso di scendere in campo per iniziare, di fatto, la preparazione di una stagione dove nulla ancora è stato deciso. Ventidue i giocatori a disposizione del tecnico:  Alonzi, Gallo, Ciammaruconi, Minati, Franchini, Esposito, Allegra, Sanna, Di Emma, Teraschi, Sevieri, Garufi, Barberini, Begliuti, Pompei, Atiagli, Tortolano, Corsetti, Mastrone, Di Renzo, Alessandro Jonatan e Pastore.