Milano, 7 mag. (Adnkronos) - Il Covid-19 ha frenato la giustizia e nel periodo di sospensione si sono "determinati un forte accumulo e vari ritardi, giacché sono proseguiti i depositi telematici da parte del Foro e dei giudici, non situazioni che impongono un programma di recupero da parte della cancelleria". E' quanto emerge nelle linee guida per lo svolgimento dell'attività giudiziaria firmate dal presidente del tribunale di Milano, Roberto Bichi.

"Altro fattore incidente sullo svolgimento dell'attività ordinaria nel periodo prossimo è il permanere delle conseguenze operative derivanti dall'incendio del 24-25 marzo (al settimo piano, ndr) che ha compromesso in maniera grave le funzionalità dei servizi gip-gup e, in parte, civili", sottolinea Bichi.