Tre rapine in sedici giorni: è questo il bilancio di quanto accaduto dal 6 al 22 marzo in due farmacie comunali di Pomezia da parte di almeno un bandito solitario che, pistola in pugno, ha terrorizzato dipendenti e clienti dei punti vendita di Santa Procula e Colli di Enea, mettendo a segno i colpi sui quali stanno indagando senza sosta e con ogni mezzo possibile i carabinieri della locale compagnia coordinati dal capitano Luca Ciravegna.

Al momento non è certo che si possa trattare della stessa persona; di fatto, però, i tre colpi hanno delle analogie.

In questa sede, visto che sulle indagini vige il massimo riserbo, basti dire che il primo blitz armato, il 6 marzo scorso, è andato a segno nella farmacia comunale dei Colli di Enea; il secondo, invece, ha interessato Santa Procula il 10 marzo; l'ultimo, infine, risale al 22 marzo, di nuovo ai Colli di Enea.

In ogni occasione sono intervenuti i carabinieri di via Roma, che hanno acquisito le immagini della videosorveglianza interna dei locali e stanno cercando di ricostruire l’accaduto.