Fermare l’arrivo fuori controllo dei migranti e attivare un sistema di accoglienza ordinato, facilmente controllabile e soprattutto gestito dal Comune. Il piano Sprar (Servizio di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) lo consente ed è la carta che l’amministrazione comunale di Lenola vuole giocarsi. Se ne discuterà oggi pomeriggio in Consiglio grazie a una mozione portata in aula dai rappresentanti della maggioranza. A Lenola col sistema dell’accoglienza straordinaria dei Cas sono stati già destinati circa trenta richiedenti asilo. «Vogliamo superare questo modello - spiega Antogiovanni - ma per farlo occorre aderire alla rete Sprar. In questo modo avremo contributi del Governo, saremo in grado di conoscere il numero preciso degli ospiti e le attività che svolgono».