Con una determina pubblicata nelle scorse ore sull'Albo pretorio, il dirigente dell'area Tecnica del Comune di Nettuno - Benedetto Sajeva - ha aggiudicato in via d'urgenza l'appalto per la realizzazione della pista ciclabile e la riqualificazione di alcune aree del centro storico.
Il Comune, infatti, potrebbe rischiare di perdere il finanziamento regionale da 825mila euro qualora non provveda ad attivare i lavori - ossia a stilare il verbale di consegna degli stessi - entro il 19 aprile 2018, ossia domani.

La Regione, infatti, aveva comunicato ai Comuni beneficiari dei contributi di dover attivare gli interventi entro cinque mesi dalla data di ricevimento della comunicazione: e questo limite è fissato proprio per domani.

Di conseguenza, nelle more della sottoscrizione del contratto, l'appalto è stato aggiudicato a una cooperativa di Castelnovo né Monti, in provincia di Reggio Emilia, come proposto dalla Stazione unica appaltante della Città Metropolitana di Roma Capitale, cui il Co,mune di Nettuno aderisce.

La ditta emiliana, in particolare, ha offerto un ribasso - in sede di gara - del 10% rispetto all'importo contrattuale, pari a 796.096,33, già comprensivo delle somme non soggette a diminuzione.

Ricordiamo che per questo intervento - che interesserà l'area compresa fra piazza San Francesco e piazzale San Rocco, passando per via Cattaneo, piazza Mazzini e viale Matteotti - il Comune ha stanziato un milione e 100mila euro fra fondi regionali, risorse comunali e un mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti.