Un piano triennale da oltre 35 milioni di euro, con più di 13 di questi che dovrebbero essere investiti quest'anno.

È questo, in sintesi, il contenuto del Programma triennale e annuale delle opere pubbliche di Nettuno, approvato nei giorni scorsi dal commissario prefettizio Bruno Strati.

Si tratta di un documento che fissa gli interventi da realizzare, indicando anche lo stato della progettazione degli stessi e le risorse da reperire. Il tutto, con la speranza che tutto non rimanga un libro dei sogni, ma si concretizzi in realtà.

Le risorse
Limitando l'attenzione al 2019, l'ente dovrebbe spendere per le opere pubbliche 13.363.550,22 euro. Di questi, 6.573.019,05 provengono da risorse aventi destinazione vincolata per legge (fondi statali, regionali, dell'ex Provincia o similari); altri 5.640.742,17 arriveranno grazie alla contrazione di alcuni mutui da parte dell'ente; infine, 1.149.789 euro sarà reperito fra le maglie del bilancio comunale.

I possibili cantieri
Tanti i progetti presenti nel documento approvato dal commissario. Fra questi spiccano il restyling del palazzo comunale (1.600.000 euro), la realizzazione del nuovo piazzale Berlinguer (l'ex Parcheggione, con uno stanziamento di un milione di euro), il consolidamento di via Genova con annessa stazione di pompaggio e condotta sottomarina del Loricina (un milione e mezzo quest'anno e 1.200.000 euro nel 2020), il completamento del teatro (due milioni di euro), la ristrutturazione del ponte pedonale sulla ferrovia (150mila euro), il restauro conservativo e la messa in sicurezza dell'ex Divina Provvidenza (163mila euro quest'anno e due milioni e mezzo nel 2020). Poi ci sono interventi su strade, illuminazione, condotte per le acque chiare, manutenzione nelle scuole (Santa Maria Goretti, Angelo Castellani, Gianni Rodari, Cadolino, Sandalo di Levante, Santa Barbara, via Ennio Visca, Angelo Eufemi e via Canducci), scala di emergenza e riqualificazione delle aree esterne al Forte Sangallo, riqualificazione del borgo (piazza Colonna, piazzetta Sacchi e via del Quartiere), restyling di viale Matteotti, eliminazione del dissesto idrogeologico al Belvedere e a Punta Borghese, nuovo ecocentro alla Zona Artigiana, messa a norma dell'ex Ostello, rifacimento degli impianti a servizio delle ex case popolari di Santa Barbara, nuova condotta a mare in zona Scacciapensieri.

Il futuro
Fra il 2020 e il 2021, invece, oltre al completamento di interventi già menzionati poco sopra, il commissario ha inserito nel piano (accanto a interventi su strade e illuminazione) i lavori negli stadi "Steno Borghese" e "Celestino Masin" e nel Palazzetto dello Sport, il completamento della piscina, il recupero del porto romano a Torre Astura e la realizzazione del "Centro studi ed espositivo" sul litorale del Sito di interesse comunitario al largo di Nettuno.