Nel progetto Upper per il quale il Comune ha ottenuto oltre 4 milioni di euro di finanziamento europeo c'è una cooperativa di cui fa parte un consigliere comunale di Latina Bene Comune, Fabio D'Achille. E' quanto emerso questa mattina in question time nel corso di una interrogazione presentata dal consigliere comunale della Lega Massimiliano Carnevale.  

"E' opportuno attribuire il parteneriato di un progetto destinatario di fondi europei ad una cooperativa all'interna della quale figura come socio un consigliere comunale di maggioranza? Perché questo accadendo, e questa amministrazione deve darne spiegazioni e porre rimedio". La denuncia arriva dal consigliere comunale della Lega Massimiliano Carnevale, proponente insieme al consigliere Vincenzo Valletta di una interrogazione in question time sul progetto Upper discussa questa mattina in aula consiliare. La miccia Carnevale l'ha accesa dopo aver espresso soddisfazione per un bando, quello di "Azioni urbane innovative" che" ha avuto la capacità di intercettare somme importanti sulla città, 4 milioni di euro, e che prevedeva l'individuazione di alcuni partner per la realizzazione della co-progettazione. Carnevale ha però chiesto conto della tempistica ristretta del bando, dei criteri di scelta dei partner progettuali e se fossero stata riscontrati possibili casi di incompatibilità, previsti dall'articolo 63, comma 2 del decreto legislativo 267 secondo il quale "non può ricoprire la carica di sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, consigliere metropolitano, provinciale o circoscrizionale colui che, come titolare, amministratore, dipendente con poteri di rappresentanza o di coordinamento ha parte, direttamente o indirettamente, in servizi, esazioni di diritti, somministrazioni o appalti, nell'interesse del comune o della provincia, ovvero in società ed imprese volte al profitto di privati, sovvenzionate da detti enti in modo continuativo". Carnevale analizzando gli atti reperibili si è accorto che uno dei partner progettuali, l'Innovation Europe  Social, d Latina ha chiuso il 2018 con una perdita di 2500 euro, quando uno dei requisiti per partecipare alla selezione era una capacità economico e finanziaria adeguata, ma cosa più importante sotto il profilo della trasparenza, delle norme e dell'opportunità politica è che "ha come socio un consigliere di maggioranza, presidente di una commissione consiliare".

Un socio… di maggioranza

Il consigliere in questione è Fabio D'Achille che, dagli atti in possesso di Carnevale, risulta socio dell'Innovation Europe  Social. Un fatto che probabilmente non si aspettava nemmeno l'assessore all'Europa e alle politiche giovanili perché nel rispondere a Carnevale aveva spiegato, sulla contestazione della perdita economica, che le proposte dei partner sono state affiancate da autocertificazioni e quindi sarebbero stati verificati in una seconda fase i requisiti, mentre invece sul fronte delle incompatibilità, pensava che l'osservazione di Carnevale fosse rivolta a lei in quanto componente del Consiglio di amministrazione dell'associazione Tecla. E su questo punto ha spiegato che la sua associazione "non è partner di progetto, non ha quote, ma è partner di supporto. Il Comune è socio di quell'attività e ha dato disponibilità, come pure Lazio Innova, a supportare senza alcun intervento economico le iniziative che si andranno a strutturare". Leggio ha anche spiegato le tappe del progetto e che si è nella fase di garanzia e ridefinizione del progetto, il 30 ci sarà il coordinamento con i partner di progetto e il 2 e il 3 ottobre "i nostri partner saranno a Bruxelles per approfondire questo aspetto, e alla fine di queste verifiche sarà erogato il 50% delle somme".

Chieste le dimissioni

Dura la controreplica di Carnevale che ha continuato a parlare di un consigliere di maggioranza, senza mai nominare Fabio D'Achille: "Lei assessore fa notare che l'associazione di cui è membro non ha svolto alcun ruolo nella gestione di finanziamenti, ma mi ha detto che non c'è stato alcun caso di incompatibilità. Invece una di queste società di cui è socio un consigliere comunale di maggioranza, presidente di una commissione, ha avuto il partneriato forse in barba a tanti cittadini e società che hanno chiesto di partecipare, ma sono state escluse. La trasparenza che tanto sbandierate dove sta? Ci avete detto che voi siete diversi, poi vediamo che fate varianti urbanistiche in venti giorni, assegnate impianti sportivi a piacere, fate affidamenti diretti per 2 milioni di euro con Abc e scegliete come partner di un progetto di quasi 4 milioni di euro la cooperativa di cui è socio un consigliere di Lbc". Carnevale ha annunciato su questo tema una battaglia con il suo partito e l'opposizione e di voler chiedere le immediate dimissioni di quel consigliere "sperando –ha concluso – che non lo sapevate e dunque confidando nella vostra ignoranza, perché, se così non fosse, siete tutti complici".