E' polemica sul caso del bambino che è rimasto senza pasto a causa del presunto mancato pagamento della retta per la mensa scolastica. L'assessore alla Scuola del Comune di Latina, Gianmarco Proietti, ha risposto via Facebook e ha convocato per domani una assemblea dei genitori per chiarire la situazione. "Se anche solo un bambino fosse rimasto escluso ingiustamente, capiremo insieme le responsabilità e daremo risposte chiare. Domani, 2 ottobre, incontrerò i genitori dell'istituto Don Milani, parleremo dei servizi della mensa e della loro organizzazione, con il rispetto che meritano genitori, docenti e dirigente. Ma prima di tutto, ciascun bambino. Essere presenti, spiegare, comunicare è il nostro compito, come pure organizzare al meglio i servizi per il diritto allo studio e garantire i diritti (e i doveri) di tutti", afferma Proietti.

Sul tema interviene anche la consigliera di Forza Italia Giovanna Miele. 

"Quanto accaduto oggi nelle scuole di Latina per il servizio mensa ha dell'assurdo - afferma Giovanna Miele, consigliera comunale di Forza Italia - Il Comune che gestisce in modo diretto il servizio relativo all'iscrizione e al pagamento delle rette attraverso una piattaforma informatica, ha inviato alle varie scuole della città un elenco di nomi di bambini le cui famiglie non erano, alla data del 1 ottobre, in regola o con l'iscrizione o con i pagamenti delle rette. Ciò ha comportato che le scuole medesime siano state costrette a informare i genitori per comunicare la situazione e spiegare che se non si fosse ottemperato, i propri figli sarebbero rimasti senza pasto. E così sono emersi casi in cui i pagamenti erano stati regolarmente effettuati ma non caricati sulla piattaforma del Comune. Questo comporta che i bambini restano senza pasto, secondo la prassi imposta dal Comune. È una cosa inconcepibile dal momento che le scuole stesse non hanno alcun modo per controllare la veridicità di quanto il Comune comunica. Ci risulta che almeno un bambino è rimasto oggi senza pasto proprio per questo disguido. È qualcosa di inaudito. Sono tra l'altro in corso verifiche sull'effettiva attivazione delle operazioni di comunicazione alle famiglie. 

Come Forza Italia andremo fino in fondo a questa vicenda per chiarire i fatti e soprattutto individuare le responsabilità. E ci batteremo affinché il Comune cambi registro e per questo chiederemo la convocazione di una Commissione sul tema. Nessun bambino deve restare senza pasto nella mensa scolastica. ".