La Regione Lazio ha approvato una delibera per predisporre aiuti alle imprese del settore olivicolo e castanicolo a seguito dei danni subiti durante le gelate dal 25 febbraio al 1 marzo 2018. Gli aiuti in regime di "de minimis" per il mancato reddito derivante dagli impianti produttivi olivicoli colpiti dall'avversità atmosferica, ammontano a 500 mila euro per l'anno 2019 e 300 mila euro per l'anno 2020. Lo comunica il consigliere regionale del Pd Salvatore La Penna. 

Ulteriori 200 mila euro - per l'anno 2020 - sono inoltre stati stanziati per l'attuazione di interventi conservativi volti a prevenire l'insorgenza e la diffusione di gravi fitopatie del castagno nonché interventi di estirpazione dei castagneti danneggiati e smaltimento dei materiali di risulta.L'importo massimo concedibile per ogni impresa è di 10mila euro.

La Direzione Regionale Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Caccia e Pesca provvederà all'adozione in tempi brevi di specifici avvisi pubblici mentre la liquidazione dei contributi sarà affidata all'Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura del Lazio" (Arsial).

"Questa deliberazione di Giunta - sottolinea La Penna - giunge a seguito della presentazione di alcuni emendamenti da parte mia in Consiglio Regionale insieme al collega Refrigeri che sono stati accolti nel bilancio di previsione 2019. A breve sarà pubblicato l'avviso pubblico per la richiesta di aiuti da parte delle aziende agricole coinvolte. Credo sia un importante segnale di attenzione nei riguardi del comparto olivicolo, così prezioso per l'economia regionale quanto fragile al cospetto dei cambiamenti climatici e delle avversità atmosferiche sempre più frequenti".