C'è anche una minturnese tra i ricercatori che stanno identificando i responsabili molecolari dell'infettività e della patogenicità del nuovo Coronavirus. Si tratta di Flavia Squeglia, trentacinquenne di Tufo di Minturno, che fa parte dell'equipe dell'Istituto di Biostrutture e Bioimmagini del CNR di Napoli. Un lavoro che punta a progettare una possibile risposta vaccinale o farmacologica.

Flavia è una biotecnologa che dopo essersi diplomata al Liceo Scientifico Leon Battista Alberti di Marina di Minturno si è laureata all'Università Federico II di Napoli in biotecnologia, ramo farmaceutico, con 110 e lode. Tra le sue esperienze anche impegni professionali in Inghilterra e Spagna e quindi nella squadra dell'IBB del CNR di Napoli, diretta da Marcello Mancini. Il gruppo di lavoro ha come primo obiettivo l'identificazione dei responsabili molecolari della infettività e il loro meccanismo di azione. Il sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli si è detto orgoglioso della professionalità di Flavia Squeglia, che è un'altra eccellenza del territorio minturnese.