Si è appena conclusa alla presenza dell'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato l'odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

"Oggi registriamo un dato di 39 casi positivi nelle ultime 24 ore e di questi 19 a Roma - ha esordito l'assessore D'Amato - Il numero dei guariti nelle ultime 24h è cresciuto di 117 unità e si confermano circa il triplo dei nuovi positivi. Non bisogna abbassare la guardia e mantenere tutte le misure di sicurezza. Il modello Lazio che stiamo mettendo in campo attraverso l'integrazione dei test sierologici e i tamponi sta funzionando. Circa il 30% dei positivi è asintomatico e questo significa che il sistema è in grado di andare a scovare anche i casi più complessi come appunto gli asintomatici. I decessi sono stati 6 nelle ultime 24 ore, mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 3.031 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati circa 210 mila e nelle ultime 24 sono stati processati al COVID Center del Campus Bio-Medico 129 tamponi per la Val D'Aosta".

Dei casi finora confermati nel Lazio circa il 30% è asintomatico, il sistema li scova. Per quanto riguarda la distribuzione dei casi il 16% è ricoverato in una struttura sanitaria, il 39% è in isolamento domiciliare e l'1% è in terapia intensiva. I guariti sono il 36%. L'età mediana dei casi positivi è 57 anni. Il sesso è così ripartito: il 47% sono di sesso maschile e il 53% di sesso femminile. I casi positivi sono così distribuiti: il 39% è residente a Roma città, il 32,2% nella Provincia, l'8,4% a Frosinone, il 5,2% a Rieti, il 6% a Viterbo e il 7,6% a Latina. L'1,5% proviene da fuori Regione.

I dispositivi di protezione individuale oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 34.200 mascherine chirurgiche, 15.700 maschere FFP2, 1.900 maschere FFP3, 3.100 camici impermeabili, 4.250 tute idrorepellenti, 32.700 guanti.