Il ritorno alla normalità, dopo il lockdown, non è stato proprio graduale, il centro di Latina è tornato a popolarsi quasi subito, soprattutto di giovani, specie nei pomeriggi del fine settimana. E col brulicare di adolescenti sono tornate scene di gioia e di attrito, un rituale che si ripete di generazione in generazione. In questo scenario, era inevitabile, sono tornati anche gli episodi di violenza, com'è successo nel tardo pomeriggio di ieri in pieno centro, nei pressi delle Poste centrali, dove un giovane è stato picchiato tra il via vai di persone che si sono concesse una passeggiata approfittando del clima.

L'episodio si è registrato poco dopo le 19 in circostanze ancora in fase di ricostruzione da parte della Polizia, intervenuta in seguito alla segnalazione dell'aggressione, praticamente quando l'autore del gesto si stava accanendo ancora contro la vittima. Nel mirino è finito un ragazzo di poco più di 18 anni, che passeggiava in centro con la fidanzata, sua coetanea: il giovane che ce l'aveva con lui al punto di affrontarlo, non si è fatto troppi scrupoli a picchiarlo in presenza della ragazza.

A quanto pare i due si conoscono, ma non è chiaro il movente dell'episodio di violenza: neppure la vittima è stata in grado di spiegarlo ai poliziotti della Squadra Volante intervenuti. Fatto sta che lui e la fidanzata si trovavano a camminare nei pressi dell'ufficio postale di piazzale dei Bonificatori, mentre raggiungevano i loro amici, quando è passato l'aggressore in auto, in compagnia di almeno due persone che, in ogni caso, non avrebbero partecipato attivamente all'aggressione.