Il ricorso è stato respinto. I giudici del Tribunale del Riesame di Roma hanno confermato l'impianto accusatorio che aveva portato in carcere Raffaele Russo, ritenuto l'elemento di spicco nell'inchiesta Home banking che era stata condotta nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Latina dove a vario titolo i reati contestati erano quelli di associazione per delinquere e poi anche riciclaggio. Il 44enne - originario di Napoli ma residente nel capoluogo pontino - è considerato il promotore dell'attività illecita.
I difensori dell'indagato, gli avvocati Giancarlo Vitelli e Italo Montini avevano impugnato il provvedimento restrittivo firmato dal giudice per le indagini preliminari Giuseppe Cario e alla fine il ricorso è stato respinto.

Nei giorni scorsi aveva ottenuto invece gli arresti domiciliari, un altro indagato si tratta di Matteo Riggi. Oltre ai tre uomini sottoposte alla misura restrittiva, nell'inchiesta erano state indagate a piede libero 24 persone.

«Russo, Di Viccaro e Riggi hanno costituito - aveva scritto il giudice - un vincolo associativo stabile con predisposizione di mezzi, persone, procacciamento di un importante volume d'affari».
I reati contestati nel provvedimento cautelare, sono anche quelli di indebita compensazione, rapina aggravata, estorsione, bancarotta fraudolenta, falso, riciclaggio, impiego di beni di provenienza illecita ed esercizio abusivo della professione. In sede di interrogatorio Russo aveva respinto gli addebiti cercando di ridimensionare le accuse. Le indagini erano state condotte dal pubblico ministero Marco Giancrsitofaro e i provvedimenti avevano interessato anche Marco Di Viccaro, consulente finanziario di 54 anni. Dagli accertamenti è emerso che «In cambio dell'illecito risparmio d'imposta i clienti dello studio di consulenza -aveva sottolineato la Guardia di Finanza - pagavano la somma di denaro pattuita pari ad 10% del debito erariale maturato». Questi accordi hanno permesso di raccogliere dei profitti illeciti per un valore di quasi un milione di euro e acquistare anche auto di lusso, tra cui una Porsche, una moto d'acqua, una imbarcazione da 15 metri e un gommone.