Avevano messo a segno una sequela di furti all'interno dell'outlet di Castel Romano e pensavano di averla fatta franca, riuscendo a portare via merce del valore di oltre duemila euro. I tre, però, non avevano fatto i conti con la vigilanza privata e la polizia, che li hanno prima scoperti e poi arrestati.

Parliamo di una 32enne cubana, di un 64enne peruviano e di un 83enne colombiano, tutti già conosciuti dalle forze dell'ordine. Fatale, stando a quanto reso noto dalla Questura di Roma, è stato l'ultimo colpo messo a segno dal terzetto: mentre l'83enne distraeva la commessa, gli altri due complici hanno rubato quattro paia di occhiali da sole esposti nel negozio nascondendoli nelle borse che avevano a tracolla, risultate schermate per non far suonare i dispositivi antitaccheggio, e poi si sono diretti verso il parcheggio, hanno depositato la merce appena rubata all'interno di un'autovettura e sono rientrati nuovamente nel centro commerciale.

E' stata la commessa, insospettita, ad avvertire la vigilanza che, attraverso le telecamere, ha ricostruito la giornata passata dai tre malviventi nell'outlet che si trova fra Roma e Pomezia, chiamando la polizia.

Dal commissariato di Spinaceto, dunque, sono arrivati gli agenti, che hanno perquisito l'auto e ritrovato tutta la merce rubata, che è stata riconsegnata ai rispettivi proprietari dei negozi derubati.

I tre, al termine delle formalità di rito sono stati arrestati; l'auto, che non era assicurata, è stata sequestrata in via amministrativa.