Quanto accaduto nei giorni scorsi nel centro storico di San Felice Circeo, con assembramenti, schiamazzi e problematiche analoghe, non è passato inosservato e ora arriveranno controlli extra per il Ferragosto. Anche perché foto e video, talvolta pubblicati su Instagram dagli stessi partecipanti, hanno fatto il giro del web e dei social. Evidente in primo luogo la violazione dell'ordinanza con cui il sindaco Giuseppe Schiboni ha imposto l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale facciale (mascherine) dalle 19 in poi proprio perché risulta difficile rispettare il distanziamento sociale per il gran numero di persone presenti. Ma l'obbligo viene ignorato da parecchi, specie dai più giovani.

Alla luce anche di un presumibile aumento di presenze nel weekend di Ferragosto, verranno intensificati i controlli svolti da Questura e Carabinieri nei luoghi "caldi" della movida, con particolare attenzione a Terracina e San Felice Circeo. In campo ci saranno anche gli agenti del Reparto prevenzione crimine "Calabria Centrale".
L'obiettivo è quello di garantire maggiore sicurezza prevenendo e contrastando la commissione dei reati, ma anche effettuando controlli delle attività commerciali e dei locali pubblici per verificare il rispetto delle norme vigenti, comprese le ordinanze degli enti locali che disciplinano ad esempio gli orari di apertura e chiusura o la somministrazione di alcolici.

Ovviamente sarà rivolta particolare attenzione anche al rispetto delle norme vigenti per il contenimento dell'epidemia da coronavirus. Anche in questo caso si verificherà il rispetto, da parte di cittadini, turisti e attività aperte al pubblico, pure delle ordinanze sindacali, compresa quella emanata dal sindaco di San Felice che impone l'utilizzo della mascherina.
La guardia sarà massima a ridosso del Ferragosto, ma controlli aggiuntivi saranno avviati anche in questi giorni immediatamente precedenti e in quelli successivi, quando comunque le presenze sul territorio continuano a essere numericamente piuttosto elevate.