La colonna di fumo si è alzata, ben visibile anche dalla spiaggia. Un incendio è scoppiato nel pomeriggio lungo la Flacca, nella zona della Riviera d'Ulisse, nel Comune di Sperlonga. Il rogo, inizialmente attribuito agli ormai tristemente frequenti roghi estivi, si è invece propagato a bordo strada, per cause ancora da accertare che hanno visto coinvolte anche due auto, una andata completamente distrutta, in un'area compresa tra il Museo nazionale, le Grotte di Tiberio e la spiaggia di Bazzano. Le cause delle fiamme sono ancora da accertare, fatto sta che il fuoco dopo aver coinvolto le auto ha preso a bruciare anche la montagna. Oltre ai Vigili del fuoco, sul posto i Carabinieri della Stazione di Sperlonga e a supporto i volontari dei Falchi Pronto Intervento. 

Traffico rallentato sulla Flacca e sulla Magliana, proprio per via delle operazioni di spegnimento. Lunghe code si stanno registrando, alimentate dai rientri dal mare.

La grossa colonna di fumo nero ha subito riportato in mente l'incendio delle scorse settimane che ha devastato il promontorio di Sperlonga, scoppiato di notte e su cui ancora sono in corso indagini. 

Incendi ieri mattina hanno riguardato anche le colline di Lenola, dove due inneschi hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco, l'elicottero regionale e i volontari dei Vigili del fuoco in concedo. Le operazioni di spegnimento, iniziate intorno alle 10 del mattino, si sono concluse alle 13. Salvata dalle fiamme una pineta. 

Per le foto, ringraziamo il gruppo WhatsApp Segnala Fondi e la pagina facebook dell'associazione Vigili del fuoco in congedo.