Quando lo hanno visto quasi non credevano fosse lui. E invece era proprio l'uomo che, nelle ore precedenti, aveva accoltellato la compagna.

E' questo quanto accaduto oggi nel quartiere "Zodiaco" di Anzio: gli agenti della Squadra Volante del commissariato di zona, impegnati nel controllo del territorio, hanno notato un uomo somigliante proprio al 30enne pakistano che camminava in strada. Quasi increduli, si sono avvicinati e hanno notato che, effettivamente, quell'uomo era proprio l'autore delle coltellate contro la compagna. L'uomo era infatti evaso dai domiciliari e, a quel punto, è stato condotto in commissariato e nuovamente arrestato.

Ora attenderà nelle camere di sicurezza di viale Antium il trasferimento in Tribunale a Velletri per il processo con rito direttissimo.

Nel corso della notte, all'interno del quartiere Zodiaco di Anzio, i poliziotti della Squadra Volante del commissariato di Anzio sono intervenuti per una violenta lite tra due persone. In particolare, una volta arrivati, gli agenti hanno constatato la presenza degli operatori del 118 che stavano soccorrendo una donna di 46 anni, accoltellata su varie parti del corpo dal convivente. 

A quel punto, apprendendo della presenza dell'uomo in casa, gli agenti hanno subito raggiunto l'abitazione dove si era verificata l'aggressione; poi, dopo aver bussato più volte alla porta senza ottenere risposta, grazie a uno stratagemma gli agenti sono riusciti a entrare, immobilizzando il 30enne che era intento a ripulire la casa.

A quel punto, è intervenuta anche la Scientifica, con gli agenti che hanno rilevato molte tracce ematiche.

L'uomo è stato quindi arrestato e portato in carcere a Velletri. 

di: Francesco Marzoli