Di sicuro non hanno avuto la destrezza di Bonnie e Clyde, ma quanto a spregiudicatezza non si sono fatti parlare dietro. La coppia di Terracina identificata e denunciata dai Carabinieri martedì scorso per insolvenza fraudolenta, si è lasciata dietro una bella scia di episodi truffaldini. E ci sono voluti diversi mesi per venirne a capo. Sempre in coppia, sempre o quasi intenzionati a godersi la vita a scrocco, tra i mesi di agosto e settembre scorsi, vuoi perché squattrinati, vuoi perché incontentabili, i due fidanzati si sono messi a delinquere.

Questo almeno è quello che hanno scoperto i militari dell'Arma. Per almeno sei volte, ricostruiscono gli investigatori, i fidanzati di 38 e 39 anni, hanno lasciato a bocca asciutta parecchi imprenditori e commercianti. Il primo, un gestore di B&B, per aver trascorso una o più notti nella struttura, salvo poi sparire nel nulla quando è stato il momento del check-out. Furbi? Non proprio, se è vero come è vero che è proprio da questa prima denuncia, e dai nominativi lasciati alla reception, che è partita l'indagine. I due, però, dopo la bravata al B&B hanno proseguito.

Tra le vittime, ad esempio, anche un ristoratore, rimasto beffato nel più classico dei modi, quello del "vento". I due mangiano, poi lei si alza per andare in bagno, lui esce per una telefonata, lei lo raggiunge e.. spariti.