Non si da pace il sindaco di Maenza Claudio Sperduti per gli incendi continui e devastanti che stanno caratterizzando anche questa estate 2021.

Quella dei roghi boschivi è una piaga che affligge Maenza, così come i paesi intorno, ormai da decenni e che ogni anno si ripropone al di là delle analisi e dei discorsi condotti in materia. Il primo cittadino maentino ha quindi scritto al Prefetto di Latina Maurizio Falco per chiedere aiuto e collaborazione: «Anche quest'anno vedo ripetersi le stesse modalità di azione criminosa degli altri anni. Il problema vero è che come istituzioni arriviamo sempre in ritardo: ci danniamo per spegnere e contenere. Per la prevenzione continuiamo a fare poco o niente. Per un serio e capillare lavoro di indagine che assicuri alla giustizia i banditi che devastano il patrimonio naturale, serve altro. Per questo chiedo aiuto, chiedo un intervento adeguato di forze di polizia. Il territorio in questo periodo dovrebbe essere sorvegliato 24 ore al giorno almeno per il periodo estivo ma come comuni non abbiamo ne mezzi e ne risorse per farlo da soli. Assieme al Sindaco di Carpineto abbiamo inviato una nota all'Agenzia di Protezione Civile per chiedere l'impiego di droni per il monitoraggio con l'impegno da parte dei Comuni a formare il personale delle locali associazioni di volontariato di Protezione Civile ad utilizzarli».