L'intensificazione della lotta all'abbandono di rifiuti nel Comune di Cori ottiene i primi significativi risultati. Sono infatti in arrivo le prime multe per i "furbetti" della spazzatura. Grazie al lavoro compiuto dagli ispettori ambientali volontari e alle fototrappole posizionate dagli stessi ispettori, sono stati colti sul fatto alcuni cittadini, che avevano abbandonato indiscriminatamente i propri rifiuti ad esempio vicino a cassonetti riservati ad attività commerciali. Ed ora gli incivili riceveranno dalla polizia locale il verbale con la sanzione.
Un risultato che mostra i frutti raccolti dal lavoro di controllo avviato sul territorio dagli ispettori ambientali, volontari che coadiuvano la Polizia Locale nel controllo del territorio per contrastare l'abbandono indiscriminato di rifiuti, la tenuta incolta dei terreni e rafforzare la prevenzione degli incendi. Si tratta di cittadini che hanno scelto gratuitamente sceglie di prestare un servizio pubblico, con potere di segnalazione, per la tutela dell'ambiente e del paesaggio, il decoro della città e del territorio, il controllo delle aree verdi. Il regolamento per l'istituzione di queste figure è stato approvato dal consiglio comunale di Cori all'unanimità. Un obiettivo che soddisfa anche l'amministrazione comunale. «Grazie all'azienda faunistica di Cori - così il sindaco Mauro De Lillis e l'assessore all'Ambiente Luca Zampi - per aver donato al Comune le divise degli ispettori, all'azienda agricola Marco Carpineti per aver offerto le fototrappole utilizzate nelle operazioni di controllo e, soprattutto, grazie all'impegno degli ispettori volontari che si adoperano per tutelare il nostro territorio contro gesti di inciviltà. Il volontariato civico è un grande valore per una comunità. Lo sforzo volontario di cittadini, associazioni e imprese per il bene comune costituisce un cambio di passo nella coscienza civica collettiva, di cui dobbiamo fare tesoro».