Esce allo scoperto Angela Florian, lo ha fatto ieri dopo che i poliziotti della Divisione Amministrativa le hanno notificato l'ordinanza di chiusura, per trenta giorni, disposta dal Questore in seguito al pestaggio di due giovani, giusto due settimane prima a debita distanza dal locale di via Fratelli Bandiera, ma scaturito da un diverbio nato per futili motivi tra i suoi giovani clienti. «È un'ingiustizia - si sfoga Angela - Gestiamo il bar come una grande famiglia e dopo la morte di mio marito ho fatto di tutto per portare avanti l'attività in maniera sana. Ora ci chiudono il locale, ma le cose non sono andate come le hanno raccontate le vittime e i loro amici. Devo precisare innanzitutto i giovani picchiati, la sorella di uno di loro e le due amiche non sono clienti abituali. Quella sera c'era un ragazzo romeno che conosco bene, non è un pregiudicato e lavora onestamente, si trovava in compagnia di un suo amico che non conosco».

Ulteriori dettagli in edicola ora