Una segnalazione, la denuncia alla Guardia di Finanza, poi i controlli. È stato eseguito ieri mattina dagli uomini della Guardia di Finanza di Terracina un controllo con sequestro all'interno di un'abitazione privata, in pieno centro storico.

Pochissime le informazioni trapelate, ma ci sarebbe stato un sequestro di diversi reperti archeologici, sembrerebbe di origine etrusca e apula, di cui si dovrà ora definire la legittimità del possesso. Ieri mattina gli uomini delle Fiamme Gialle si sono recati nel centro storico alto e hanno eseguito un sopralluogo all'interno della casa privata. Con il supporto di alcuni operai comunali, hanno raccolto i numerosi reperti, custoditi nell'abitazione, e portati via all'interno di contenitori. Il prossimo passaggio, stando a quanto emerso, sarà quello di indagare sulla provenienza dei reperti e appurare se siano o meno detenuti legittimamente dal privato. Non è affatto escluso, ad ora, che gli oggetti archeologici siano legalmente posseduti. Ma le verifiche devono fare il loro corso.

Secondo alcune indiscrezioni, che però per il momento non hanno trovato conferma, si tratterebbe di reperti archeologici di origine etrusca e apula, dunque molto antichi. Il sopralluogo, cui è seguita la requisizione ai fini di un controllo sulla provenienza dei reperti, è avvenuto ieri mattina, all'interno di un'abitazione che sorge in uno dei vicoli del centro storico alto. Non è la prima volta che le Fiamme Gialle si imbattono in controlli di questo tipo. Molti i casi di sequestro di antiche anfore romane, per lo più pescate dai fondali.