Quando hanno visto gli agenti della polizia locale impegnati in un'attività di servizio sulla spiaggia, hanno provato a eludere i controlli. Ma per i due venditori ambulanti di origine marocchina sorpresi dai vigili urbani a commerciare illegalmente i propri prodotti in riva al mare non c'è stato scampo: per entrambi sono scattati sequestro e denuncia per resistenza a pubblico ufficiale. In particolare uno dei due, arrivato sulla strada che porta agli arenili, pur di non essere identificato si è sdraiato sotto un camion e solo dopo qualche minuto, tra un tentativo di mediazione e la necessità di procedere all'identificazione, si è riusciti a riportare la situazione alla normalità. Con lui si trovava un connazionale che invece, pur protestando perché non gli venisse sequestrata la merce, ha mostrato un atteggiamento più collaborativo. I fatti si sono verificati ieri mattina nella zona di Capratica, sul litorale di Fondi, nell'ambito di un più ampio servizio di monitoraggio del litorale così come disposto dal comandante della polizia locale Giuseppe Acquaro. Ritirati numerosi prodotti tra giocattoli, gonfiabili e abiti. In tutto sono stati sette i venditori controllati col sequestro di un carretto pieno di merce. Uno dei commercianti è risultato inoltre privo di permesso di soggiorno ed è stato munito di invito a lasciare il territorio italiano. A conclusione degli accertamenti entrambi i commercianti ambulanti senza titoli sono stati denunciati per resistenza. Sempre durante i controlli sulla Flacca ieri mattina i vigili hanno scoperto un automobilista alla guida con una patente contraffatta. Immediata l'informativa di reato in Procura.