Mancava da casa da oltre un giorno e fortunatamente è stato ritrovato. Alle ore 22,00  di ieri gli operatori del Commissariato di Cisterna di Latina hanno rintracciato, nei pressi della locale stazione ferroviaria, un giovane ventitreenne di Napoli con gravi disturbi psichici  che, eludendo la sorveglianza dei familiari,  si era allontanato dalla propria abitazione nelle mattinata del giorno 4 luglio.

Il ragazzo giunto a Cisterna probabilmente in treno, era stato notato da alcuni passanti per il suo stato confusionale, motivo per il quale era stata allertata immediatamente la Polizia. Gli agenti grazie alle indicazioni circa l'abbigliamento indossato dal ragazzo, dopo alcuni giri di perlustrazione lo ritrovavano disteso su una panchina nei pressi della stazione. 

Il giovane, Ciro C., veniva avvicinato con le dovute cautele e sentitosi rassicurare dagli agenti forniva le sue generalità che consentivano di accertare che si trattava del giovane Ciro C. la cui famiglia aveva denunciato la  scomparsa ai Carabinieri di Portici (NA) il giorno precedente. La notizia della sua scomparsa era inoltre stata ampiamente diffusa da alcuni social della rete che invitavano chiunque lo avesse visto a dare sue notizie alla famiglia che stava vivendo ore di panico.

Gli agenti quindi contattavano immediatamente i familiari per tranquillizzarli e nel mentre vegliavano ed assistevano il ragazzo  che comunque si mostrava nervoso ed insofferente.

Alle ore 02,00 all'arrivo dei familiari Ciro C., nel timore di fare ritorno a casa, cominciava ad agitarsi e divincolarsi. Mentre si cercava di calmarlo, il ragazzo tentava addirittura di afferrare l'arma di uno degli agenti che tuttavia provvedeva ad immobilizzarlo.

Vista la situazione si faceva ricorso all'ausilio dei sanitari dell'ospedale  di Latina che   procedevano ad un ricovero coattivo.