Per la variante di via Piave e la realizzazione del palazzo ancora sotto sequestro riconducibile all'ex consigliere comunale di Forza Italia Vincenzo Malvaso, c'è una nuova inchiesta, la terza in tutto da quasi tre anni a questa parte, dove la Procura di Latina e il pm Giuseppe Miliano contestano il reato di lottizzazione abusiva.
Sono 14 gli indagati, gli stessi a quanto pare della prima tranche dell'indagine che era stata condotta dal pm Gregorio Capasso. Questa volta gli inquirenti puntano su un reato diverso che è quello di lottizzazione abusiva ed è il terzo fascicolo iscritto negli uffici di via Ezio per la realizzazione dell'edificio. La prima inchiesta è stata quello che poi è arrivata a processo e con una sentenza emessa lo scorso luglio che aveva portato i forestali del Nipaf all'epoca dei fatti al sequestro dell'immobile che si trova all'ingresso della città.